la giustizia che non c’è,mi dica chi controlla la polizia postale se invece del terrorismo e pedofilia e mafie ecc, controlla facebook,ma non c’è limite alla vergogna e strapotere di una politica zoombi

la giustizia che non c’è,mi dica chi controlla la polizia postale se invece del terrorismo e pedofilia e mafie ecc, controlla facebook,ma non c’è limite alla vergogna e strapotere di una politica zoombi

 

 

il tuo account è st1165488785.jpgato momentaneamente sospeso x problemi al sito….OK FACEBOOK…ma visto che mi hai BANNATA GIà TRE VOLTE…senza aver commesso nessun reato…AVVISO AMICI E CONTATTI…SE SPARISCO E NON MI TROVATE PIù (?) è XKè FB MI HA BANNATA…fidarsi è BENE…non fidarsi è meglio…in alcuni casi…BUON PRANZO A TUTTI/E

 

ALLO STAFF FACEBOOK CONTROLLO ACCOUNT.

SEGUITE ATTENTAMENTE COSA ACCADE SE UNA CACCA DECIDE DI AVVISARE LO STAFF, PER SCORRETTEZZA ANCHE INESISTENTE, E LO STAFF CREDE ALLA PRIMA CACCA.

Hai continuato a inviare richieste di amicizia a persone che non conosci nonostante l’avvertimento che hai ricevuto. L’invio di richieste di amicizia a persone che non conosci è una violazione delle Condizioni di Facebook e può essere considerato come un comportamento indesiderato. Se continui, ti verrà impedito di inviare richieste di amicizia in modo permanente. Maggiori informazioni.

Il blocco sarà ancora attivo per 29 giorni.

Se pensi di visualizzare questo messaggio per errore, per favore comunicacelo.

OK

Pigiando OK….. Mi guidate dove volete voi……. E non intendo subire una fatica mentale per un vostro sistema di comando dittatoriale.

Ed ecco cosa succede cliccando su ok posto sopra, per finire in un labirinto di VAI QUI, FAI COSÌ, DICCI PERCHÉ….. ma voi siete MATTI. Aggiungo comunque che le amicizie richieste non le ho richieste, ma suggerite. 

Ecco altra schermata dove mi chiedete di giustificare.

 

per la polizia postale

 

Ditemi voi perché il blocco, perché sono un CITTADINO DEL MOVIMENTO CINQUE STELLE? Chi vi ha chiesto di bloccarmi é un PD-L o un PDL? Per me è CACCA…..

Blocco relativo all’aggiunta di contenuti

Stai cercando di pubblicare su Facebook contenuti contrassegnati come offensivi. Compila questo modulo se ritieni che questo contenuto sia stato bloccato per sbaglio.

Cosa stavi cercando di pubblicare?

Se sei stato/a bloccato/a mentre tentavi di condividere un link, copia e incolla qui l’URL completo

Spiega perché ritieni che si tratti di un errore

Grazie per la segnalazione che hai inviato. Anche se al momento non riusciamo a rispondere a tutte le segnalazioni, potremmo contattarti per chiederti maggiori informazioni sul problema nel momento in cui analizzeremo la tua segnalazione. 

Invia

 

è una strage, lo sto scrivendo a crimi e cc,non se ne può più,non è fabeook,è la polizia postale, che interviene,ha i profili di tutti, poi da quando la boldrini ha fatto casino per un nudo presunto che poi per me è vero,hanno preso al scusa, fra un pò ci metteranno il velo a noi donne e i tappia gli uomini,la colpa non è di faceboook è del parlamento e poteri dello stato264447_569228893101058_6826.gif

reazioni del popolo di facebook a sallusti che parla di franca rame come fanatica, questo è un piccolo esempio,ma il web imappazza con sallusti uomo graziato di m…..a

UOMO DI MERDA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
“Franca Rame, attrice-agitatrice che portò il fanatismo in scena È morta ieri a Milano l’attrice e pasionaria Femminista convinta, è…
CADOINPIEDI.IT

l’acqua deve essere un bene comune,chiudere ruscelli e torrenti non da tanta elettricità,ma danneggia il territorio,sia paesaggistico che agricolo, agli animali si toglie la vita, e a noi l’amore per la natura,firma la petizione,in valle camonica

l’acqua deve essere un bene comune,chiudere ruscelli e torrenti non da tanta elettricità,ma danneggia il territorio,sia paesaggistico che agricolo, agli animali si toglie la vita, e a noi l’amore per la natura,firma la petizione,in valle camonica


http://www.avaaz.org/it/petition/Lacqua_e_un_bene_comune_vi_chiedo_di_firmare_questa_petizione_STOP_CAPTAZIONI_per_CENTRALINE_IDROELETTRICHE/?rc=fb&pv=4


L'acqua è un bene comune : vi chiedo di firmare questa petizione : STOP CAPTAZIONI per CENTRALINE IDROELETTRICHE
8,000
32
32 firme. Raggiungiamo le 8,000
 
 
 

Perché è importante

Il Coordinamento delle Associazioni firmatarie della presente lettera è da tempo attivo sul territorio della Valle Camonica ed ha chiesto da circa un anno alle Istituzioni locali, provinciali, regionali, nazionali ed europee la moratoria di tutte le nuove captazioni concesse e richieste allo scopo di costruire centraline idroelettriche in Valle Camonica.Infatti nella Valle Camonica sono già presenti centinaia di captazioni sul fiume Oglio e sui torrenti ed affluenti del medesimo, oltre a due centrali idroelettriche sotterranee fra le più grandi d’Europa. Queste ultime, per altro, risultano sottoutilizzate e non lavorano a pieno regime.Nonostante ciò la Regione Lombardia e la Provincia di Brescia stanno continuando a rilasciare autorizzazioni per nuove centraline poste in varie zone della Valle e addirittura in aree protette, quali Parchi e Siti Natura.La maggior parte di queste autorizzazioni va a privati i quali, grazie agli incentivi statali che rendono appetibile e remunerativa l’operazione, praticano o un mercato delle concessioni (con enormi guadagni sulla rivendita dei permessi) o la vendita dell’energia con un notevole vantaggio economico. Inoltre, quando realizzano l’intervento, operano senza alcuna attenzione per l’impatto ambientale sul territorio.In ogni caso il profitto è privato e il danno resta pubblico: meno acqua nei fiumi, sottrazione di risorse per l’agricoltura, danno alla vita acquatica, deturpazione del paesaggio.
La moratoria richiesta si rende indispensabile per potere pianificare gli interventi attraverso il Bilancio idrico integrato che le associazioni hanno richiesto agli enti preposti dall’aprile 2012 in occasione del convegno dalle stesse organizzato: “Idroelettrico in Vallecamonica: sfruttamento di una risorsa o valorizzazione di un bene comune”.Con la moratoria si chiede di effettuare un monitoraggio della situazione in essere per realizzare una rigida programmazione degli interventi in modo da avere una visione globale e non una risposta occasionale alle singole richieste.
Il Coordinamento chiede inoltre che siano le Amministrazioni locali a realizzare le captazioni nelle aree che il bilancio idrico valuterà idonee, dando priorità alle centraline poste sugli acquedotti, al fine di salvare i corsi d’acqua ancora liberi. Le Amministrazioni locali e le comunità devono avere parere vincolante sugli usi del bene pubblico “acqua”.
Pertanto il Coordinamento delle Associazioni si rivolge a Lei in qualità di possibile eletto in Istituzioni che hanno potere decisionale in merito alle normative che regolano il settore della produzione dell’energia e in modo particolare dell’idroelettrico.
Le chiediamo di esprimersi in modo puntuale rispetto alle seguenti questioni.
Le chiediamo se nell’organismo, in cui Lei sarà eletto, si farà promotore di delibere che stabiliscano:
1. una improrogabile pianificazione dei bisogni energetici della Provincia, della Regione e dell’intero Paese, tenendo conto dello sviluppo delle moderne tecnologie, dei consumi in atto e di quelli previsti, delle quote di produzione già realizzate attraverso le varie fonti energetiche;
2. una revisione della normativa sugli incentivi (deliberazione n. 62/02 del 18 aprile 2002 dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas) per impedire che si continui a costruire piccole centrali che senza di essi non sarebbero economicamente sostenibili e che contribuiscono per una quota irrilevante alla produzione di energia, danneggiando sensibilmente il territorio;
3. la moratoria di tutte le nuove captazioni nel bacino del fiume Oglio nell’area della Valle Camonica, in attesa della stesura del bilancio idrico integrato e della pianificazione dei bisogni energetici;
4. la facoltà per i Comuni di esprimere parere vincolante in merito all’utilizzo delle acque, eliminando il potere esclusivo che oggi hanno Enti lontani dal territorio e la costituzione di organismi decisionali in cui siano presenti non solo gli amministratori locali, ma anche i rappresentanti dei cittadini e delle loro associazioni, in quanto portatori di interessi diffusi e bisogni sociali e collettivi;
5. la precedenza alle richieste di concessioni agli enti pubblici rispetto alle aziende private, per impedire il prevalere di interessi economici speculativi e per favorire la difesa del territorio, che dovrebbe essere interesse primario delle Amministrazioni locali;
6. la possibilità per i Comuni di accedere a finanziamenti specifici per la realizzazione di centraline idroelettriche “comunali” e di usufruire di una durata della concessione di trenta anni, limitando quella per i privati a quindici, fatti salvi per entrambi i vincoli relativi alla protezione del territorio, in rapporto a quanto sarà previsto nel Bilancio idrico integrato;
7. un innalzamento generalizzato dei valori del MDV e un controllo dello stesso alla foce, in modo tale che vengano rispettatte le reali esigenze dell’alveo, in rapporto alla lunghezza, larghezza, granulometria, permeabilità.
Il Coordinamento chiede una risposta scritta a questi quesiti entro il 15 febbraio. Sarà cura del Coordinamento rendere note ai cittadini della Valle le risposte ricevute o i dinieghi

 

l’inps sta per fallire,per forza ci mettono di tutto,dalle pensioni di invalidità e a quello d’oro,che non hanno messo contributi,prima hanno fatto fallire l’ Enpals: adesso l’inps,ma la colpa è di grillo,,non votate pd e pdl,se magnano tutto loro

 

noi pensionati,quelli normali,cioè che prendono da 400 euro a 1000/1200 euro,insomma quelli che hanno versato i contributi,quelli che si sono visti svalutare la pensione perchè la rivalutazione secondo istat è falsa, se io 10 anni fa con un milione ci vivevo bene adesso con 500 euro faccio la fame,allora vuol dire che la mia pensione è stata svalutata almeno del 50% ma io penso del 100%,perchè lo vedi dai prezzi di prima necessità,dal pane,frutta,verdura ecc che sono di prezzo raddoppiati,perciò ci hanno depredato soldi,adesso però all’inps hanno messo a cassa pure le pensioni statali,quelle che non hanno cassa per pagarle,dentro c’è di tutto,ma in specie le pensioni d’oro,13 miliardi l’anno per 100.000 pensionati,dentro ci sta per fare esempi,veltroni,9000 euro al mese, amato 30.000 euro,dini,40.000 euro,napolitano con la sua pensione e ci stanno anche chi ne prende due o tre e tutte belle corpose, adesso se avessero copertura capirei,ma non sono coperte ed allora monti che doveva aggiustare le banche e tutti gli affari della sua classe sociale ha pensato bene a metterle in carico a noi,cioè lo hanno chiamato governo sobrio,cioè criminale,di certo il parlamento ha detto di si,certo che essendo loro stessi coinvolti, certo che hanno detto di si,ma sono solo leggi criminali,noi non le vogliamo pagare,mettano un tetto,di 3000 euro il resto è solo ladrocinio,a meno che abbiamo versato i contributi,insomma si devono togliere,sia le pensioni che compensi che sono solo delirio ed abuso di potere perchè se le danno da loro,cominciando dalla magistratura

539187_485816704764158_1633694030_n.jpg


2805208114.gif

 










siamo di fronte ad un’espropriazione di fatto assolutamente

incostituzionale. L’Inps dovrebbe reagire a

tutela dei pensionati, impugnando i

provvedimenti legislativi per un’evidente

incostituzionalità, ma ciò non accade”,

spiegano ancora ribadendo le critiche alla

legge di stabilità che abbasserà ulteriormente

“il livello e la qualità dei servizi oggi offerti

dall’Istituto”.

Enpals:

Ente Nazionale di Previdenza e di Assistenza per i Lavoratori dello Spettacolo e dello Sport Professionistico.

ENPAS (Ente Nazionale Previdenza Assistenza dipendenti Statali)

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/02/26/previdenza-inps-verso-disavanzo-da-107-miliardi-faro-sui-fondi-dellente/513676/

 

“Previdenza, Inps verso un disavanzo da 10,7 miliardi”. Bocciatura della Uil

 

Il Consiglio di indirizzo: “Necessario sottoporre ad un attento monitoraggio tutti i Fondi o Gestioni amministrati dall’Istituto che presentano consistenti disavanzi economici con effetti negativi sul saldo generale del bilancio”. Il sindacato: “Con l’incorporazione dell’Inpdap in due anni si sono persi 26 miliardi”

 


ridurre a cifre normali le “pensioni d’oro “e subito,mai hanno versato contributi per averle,le paghiamo noi che abbiamo pensioni basse e svalutate

siamo di fronte ad un’espropriazione di fatto assolutamente incostituzionale. L’Inps dovrebbe reagire a tutela dei pensionati, impugnando i provvedimenti legislativi per un’evidente incostituzionalità, ma ciò non accade”, spiegano ancora ribadendo le critiche alla legge di stabilità che abbasserà ulteriormente “il livello e la qualità dei servizi oggi offerti dall’Istituto”.

 
questi sono quelli che poi hanno mandato a gambe all’aria pure l’inps che paga tutto dopo che ortis ha legiferato una cassa comune,si perchè i dipendenti statali avevano con i dipendenti artistici un deficit nelle casse delle loro pensioni così le hanno addossate all’inps che paga pure le invalidità civili, adesso sarebbe ora che le pensioni d’oro vengano ridimensionate perchè non hanno mai avuto copertura ed io le pago con tutti quelli che hanno lavorato e versato contributi e prendiamo la pensione svalutata per pagare ste cacche

 

 

 

11:52 Scritto da annaquercia

http://www.ilnord.it/index.php?id_articolo=421#inline

LO STATO ITALIANO NON HA PAGATO DECINE DI MILIARDI DI CONTRIBUTI AI DIPENDENTI PUBBLICI E ORA L’INPS STA PER FALLIRE.

domenica 12 maggio 2013

 

Lo stato italiano non ha versato per anni i contributi pensionistici ai dipendenti delle pubbliche amministrazioni e quindi li ha fatti confluire nell’Inps, ponendoli a carico di coloro che la sventura pose a lavorare nel comparto produttivo. Il presidente dell’Inps, Mastropasqua,  ha confermato che l’ente ha quasi terminato le sue disponibilità: in breve sarà illiquido e a sostegno del suo allarme, ha citato la Relazione della Corte dei Conti sul bilancio preventivo 2012 da cui emerge chiaramente che la fusione con Inpdap ed Enpals operata all’inizio del 2012 si è rivelata una pillola avvelenata per i conti dell’Inps: “il patrimonio netto … è sufficiente a sostenere una perdita per non oltre tre esercizi”. – scrive l’alta Corte. 

Ma la Corte dei Conti non si ferma all’allarme di bilancio. Infatti, scrive: «Questo, a causa della fusione Inpdap-Inps, ovvero l’ente previdenziale dei dipendenti pubblici con la previdenza privata. Una fusione voluta dalla manovra del governo Monti denominata Salva-Italia del 2011, che non ha cancellato il buco di 23 miliardi di euro, equivalente al debito che lo Stato ha nei confronti dei contributi previdenziali per i suoi dipendenti. Buco che ora grava nelle casse del Superinps, con il rischio di non riuscir più a pagare le pensioni per i prossimi anni se non verranno fati interventi a carattere urgente per risanare i conti.»

Mi auguro abbiate letto con attenzione. La Corte dei Conti accusa senza mezzi termini lo Stato italiano di evasione contributiva, per la qual cosa un privato cittadino finirebbe in galera e un’azienda vedrebbe confiscato il suo patrionio. La frase il «debito che lo Stato ha nei confronti dei contributi previdenziali per i suoi dipendenti» non lascia spazio a nessun’altra interpretazione. Lo stato italiano ha violato le leggi dello Stato italiano,e questo buco da 23 miliardi di euro nei conti dell’Inps – insanabile dall’Inps – va a sommarsi  al «deficit di 91 miliardi che la Pubblica Amministrazione ha nei confronti dei propri fornitori». che la Corte dei Conti stigmatizza in un’altra relazione refa pubblica due mesi fa.  Ovviamente questi 114 miliardi di euro di buco in cassa dello Stato vanno a sommarsi agli oltre 2000 miliardi di euro di debiti, dello Stato, quelli che oggi sono arrivati ad essere il 130% del Pil. Una vera follia. 

Ma rimaniamo all’Inps. Mastropasqua aggiunge: «Se le amministrazioni dello Stato rallenteranno ancora i pagamenti l’Inps avrà “ulteriori problemi di liquidità”, che non potrà non ripercuotersi sul regolare pagamento corrente delle pensioni. Le entrate contributive si incrementeranno dello 0,9% (a 213,762 miliardi) nel 2013, le uscite per prestazioni istituzionali saliranno del 2,3% a 303,077 miliardi (di cui la spesa per prestazioni pensionistiche sarà di 265,877 miliardi, +1,7%).»

Quindi, quest’anno 2013 entrano oltre 213 miliardi e ne dovrebbero uscire oltre 303. Mancano all’appello più di 89 miliardi di euro per pagare le pensioni!

E dove mai li prenderà, lo Stato italiano, 89 miliardi in contanti, quando il governo Letta non è stato ancora in grado di trovarne 8 per rifondere quel ladrocinio statale chiamato Imu? Facile e orribile: ridurrà le spese pensionistiche di 89 miliardi e il gioco è fatto. 

max parisi

probabile che borsellino ci sia arrivato , e viene fatto fuori,oggi napolitano con accorati appelli,a me da solo una sensazione,che lui è appeso a un filo, e a me viena da chiedere,presidente si dimetta,che abbiamo capito,lei sta solo difendendo se stesso

adesso pure io ho capito,per il processo che ci sarà per le stragi verranno chiamati come testimoni il presidente napolitano e pure ciampi più altri pezzi grossi della politica, adesso si capisce tutto,dalla grazia a sallusti e ai saggi esclusi il m5s ,adesso si capisce,sta arrivando la luce, quella fretta a fare distruggere le telefonate, e poi questo nuovo affetto per il pdl,da ignorante credo di capire che dentro ci sono tutti, e dunque che fare, mettono letta che li unisce in un matrimonio di interesse,per me napolitano ha il terrore che il m5s possa allearsi con il pd,sarebbe per lui la rovina,chissà a quei tempi che facevano,certo che erano tutti pezzi grossi,napolitano era presidente della camera e spadolini presidente del senato,erano i tempi bui,erano i tempi di tangentopoli,dove venne fuori quello che tutti sapevano,ma mai potuto provare, che i partiti si finanziavano con tutto e tutto era infiltrato in loro,impossibile che le alte cariche non sapessero,si capisce anche il perchè amato è sempre al quirinale in coppia con letta zio,ma siamo matti,siamo una monarchia parlamentare affiancata da poteri forti e massonerie,questo ne viene fuori,e che falcone e borsellino avevano capito e forse, anzi è probabile che borsellino ci sia arrivato , e viene fatto fuori, adesso gli appelli di napolitano ecc, che siamo appesi ad un filo,che siamo in pericolo ecc, (io vedendolo in tv e faccio fatica a vederlo perchè mi rivolta lo stomaco) ecco a me da senzazione che in pericolo è lui e tutto l’apparato,ma se ha 88 anni,e che crede di coprire,se non lo si sa adesso,lo si saprà fra qualche anno,io penso al massimo due ed allora che ci fa patire a noi 60 milioni di persone per non fare lui e i suoi presunti complici il disonore,ma è vergognoso solo pensarlo,ma io lo penso,mi viene spontaneo,cioè se vedo napolitano in tv,mi da sensazioni di sporco,di mafia, di stragi,non che lui abbia fatto stragi,ma che il potere da allora ed anche oggi fa cose sporche per mantenere prestigio,potere e soldi e questo non è solo disonore,ma reato e grave, mi pare ci sia ancora la pena di morte per reati come il tradimento da parte di pezzi grossi dello stato

Senza-titolo-1.jpg

dedicato ai politici,compreso napolitano,vi trovo solo disgustosi,siete solo lì per voi,i vostri privilegi,non ho visto nessuno rinunciare a nulla, io non mi nascocndo venite da me e di peggio vi dirò

 

politici,napolitano,cloaca,disgustosi,tribunalepolitici,napolitano,cloaca,disgustosi,tribunale

 

quello che provo è lo schifo,ma uno schifo che è inimagginabile, abbiamo votato,ci hanno messo due mesi ed adesso fra ritiri e plocami all’estero,che non ho capito,appena varcano il confine gli viene l’attacco di logorrea, e noi a sopportarili,nulla hanno fatto per diminuire le spese, aspettano il miracolo,pure un cretino lo capisce, se ha una famiglia lo sa che fare,per prima cosa riduce le sue spese, poi quelle inutili della famiglia e investe tutto nella semina , e in quello che ti da il pane,questi stanno togliendo i semi,la terra e il concime, si tengono loro i soldi e noi dobbiamo sentirci i vari comizi,ma non è finita,perchè poi incacchiati neri diciamo parolacce,le scriviamo,ed allora la priorità è venire a prenderci a casa per questi fatti gravi,ma vergognatevi,parlamento di cloaca, io questo post lo pubblico su facebook,io voglio che veniate a casa mia e lì poi vi dirò di peggio e se mi portate in tribunale peggio ancora ed ancora ed ancora fino a quando non sparirete,perchè non siete degni di governare manco un pollaio, a dire il vero ci trattate come un allevamento intensivo di polli,noi dobbiamo produrre per voi,ma annate ac… mi fate solo ribrezzo, il tutto è indirizzato ai politici che ci governano,compreso napolitano

http://www.beppegrillo.it/2013/05/quella_rabbia_dentro.html

 

 


“Sono un imprenditore che a causa del mancato rilascio di un’autorizzazione da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, dopo aver atteso invano per oltre un anno, sta licenziando tutti i suoi dipendenti. Tutti assunti a tempo indeterminato. Nessuno può immaginare quale sia il mio stato d’animo e la rabbia che porto dentro.
La mancanza di lavoro in questo paese deriva in gran parte dalla mancanza di concorrenza e dagli ostacoli che vengono frapposti a chi ha nuove idee perché il sistema tutela i soggetti che hanno posizioni dominanti. Esistono inoltre ulteriori problemi derivanti dalle attuali regole che scoraggiano le assunzioni.
1. L’IRAP è una tassa odiosa perché è applicata sugli utili delle aziende al lordo delle spese sostenute per i dipendenti.
2. Se l’azienda non paga i contributi INPS relativi a un dipendente, l’amministratore viene condannato penalmente. Se non paga una partita IVA al massimo un pignoramento
3. Se l’azienda non paga INPS, IRPEF e INAIL relativi ai suoi dipendenti, può ravvedersi entro un breve periodo di tempo pagando interessi e sanzioni. Se poi trascorre ulteriore tempo arriva Equitalia che raddoppia le somme da pagare. Questo non accade se i tuoi collaboratori sono a partita IVA
4. Dal primo gennaio di quest’anno è stato introdotto ilcontributo ASPI obbligatorio per le imprese che licenziano
Le nuove regole per la cassa integrazione prevedono che l’azienda non possa più anticipare la cassa ai dipendenti ma lo debba fare l’INPS, il quale ha bisogno di essere finanziato con manovre finanziarie. Ma i soldi, per i giorni già approvati e fruiti stentano ad arrivare…” Enrico Gugliotti